EMERGENZA COVID-19: FINALMENTE LA REGIONE ABRUZZO HA CONVOCATO CGIL CISL E UIL.

RISORSE AGGIUNTIVE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA PREMIALITA’ DEI LAVORATORI IMPEGNATI NELL’EMERGENZA.

Ieri finalmente si è svolto il primo incontro con la Regione Abruzzo sui temi legati all’emergenza COVID 19 e sollecitati ripetutamente dalle Organizzazioni sindacali.

Alla riunione per la Regione Abruzzo erano presenti l’Assessore Verì ed il Direttore del Dipartimento Sanità D’Amario ed il Dirigente Forese.

La riunione si è principalmente dedicata al tema delle risorse aggiuntive per il riconoscimento di una premialità e relativi strumenti utilizzabili per remunerare le particolari ed eccezionali condizioni in cui sono chiamati ad operare i lavoratori della sanità abruzzese impegnati nell’emergenza COVID 19.

In ordine a questo punto abbiamo proposto di individuare 2 strumenti e cioè un indennità per rischio biologico ed una per compensare le condizioni di particolare disagio e l’intensità dell’impegno professionale profuso dal personale.

Siamo ancora in attesa di sapere quante risorse la Regione Abruzzo, in aggiunta a quelle di derivazione statale, intende stanziare per dette premialità così come avvenuto ad esempio in Lazio, 12 mln di euro , Emilia Romagna, 20 mln di euro ed Umbria circa 10 mln di euro.

Abbiamo anche precisato che devono essere regolamentati altri aspetti a partire ad esempio dal riconoscimento dei tempi di vestizione e svestizione. Come pure la necessità, in ordine all’organizzazione del lavoro derivante dall’emergenza in atto, di prevedere delle linee guida regionali, da applicare in tutte le ASL abruzzesi, che uniformino i comportamenti dei Dirigenti nell’intero territorio regionale.

Stiamo trasmettendo le nostre proposte alla Regione che è comprensiva anche degli aspetti relativi al tema delle assunzioni e della mobilità del personale.

Inoltre abbiamo chiesto alla Regione di convocare il Comitato regionale istituito dal Protocollo sulla salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori della sanità sottoscritto dal Ministro della Salute e da CGIL CISL e UIL confederali e di categoria. Abbiamo chiesto che detto Comitato, che dovrà riunirsi al più presto, debba porre l’attenzione su tutti gli altri temi prioritari e cioè quelli della salute e sicurezza dei lavoratori(DPI, tamponi, alloggi dedicati) ed ancora sui presidi ospedalieri COVID dedicati, i rapporti con la sanità privata accredita come pure sulla Rete territoriale e RSA.

La prossima riunione ci sarà il 21 aprile ma abbiamo chiesto di calendarizzarne altre per la trattazione di tutte le tematiche che per quantità e complessità dei temi, anche in vista della c.d. fase 2, necessitano di una continua interlocuzione con le parti sociali.

CGIL-FP CGIL- FPCGIL Medici  CISL-CISL FP- CISL Medici  UIL -UIL FPL – UIL Medici

Ranieri Puglielli Piccone – Malandra Traniello Mascia – Lombardo De Angelis Di Nardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Facebook
Twitter
Instagram
Telegram